Social & Web

whatsapp-bufala referendum legittima difesa

Su WhatsApp la bufala del referendum per la legittima difesa

La bufala corre rapida su WhatsApp. Dopo la sedicente “danza di Vottary”, che un po’ ci ha fatto sorridere ma il cellulare non ce l’ha formattato, arriva sui nostri beneamati smartphone un altro messaggio altrettanto inattendibile: se vai al tuo comune puoi firmare per un referendum di iniziativa popolare sulla legittima difesa della casa e dei beni.

facebook aiuti terremoto

Terremoto: i gruppi Facebook per aiutare la popolazione

Sono purtroppo oltre 200 le vittime del terremoto che ha colpito il Centro Italia nelle ultime ore, numerosi i feriti e migliaia gli sfollati. La popolazione ha bisogno di aiuto, di trovare un alloggio sicuro e di avere a disposizione beni di prima necessità, alimentari e non.

Drone Aquila test di volo

Aquila, il drone a energia solare per connettere a internet 1,6 miliardi di persone (FOTO e VIDEO)

Facebook traghettatore di internet grazie a un drone a energia solare. Con Aquila, di cui si è conclusa in questi giorni la prima prova di volo, la società di Mark Zuckerberg ha dato ufficialmente inizio all’ambizioso progetto di fare arrivare internet a 1,6 miliardi di persone che attualmente vivono in località remote senza accesso alle reti mobili a banda larga.

google_australia_00.jpg

Eddie Mabo, il doodle per l'attivista aborigeno che ha cambiato la storia dell'Australia

Oggi l’attivista aborigeno australiano Eddie Mabo, che ha lottato affinché la sua gente potesse rivendicare e vedere riconosciuto legalmente il possesso delle proprie terre ancestrali, avrebbe compiuto ottant’anni. A ricordarcelo è il doodle di Google Australia, che lo mostra giovane e sorridente, con alle spalle il profilo dell'isola in cui è nato e vissuto e per la quale si è battuto.

nonna_social

La nonna che chiede 'per favore' nelle ricerche su Google fa impazzire il web

Le buone maniere prima di tutto, perché un 'grazie' e un 'per favore' non si negano a nessuno, neanche al più famoso dei motori di ricerca online. La pensa così, l’86enne inglese May Ashworh, una nonnina 2.0 diventata famosa proprio grazie al suo modo educato di fare delle ricerche su Google.