Il vasetto di yogurt ritrovato ancora sulla spiaggia dopo 40 anni: la plastica inquina per centinaia di anni

vasetto yogurt inquinamento

La foto di un vasetto di yogurt sta diventando virale su Facebook e sul web e potrebbe risultare utile per sensibilizzare tutti sull’inquinamento causato dalla plastica.

Ci rendiamo conto che la plastica inquina e rappresenta un grave problema quando un vasetto di yogurt di 40 anni fa viene ritrovato sulla spiaggia ancora intatto. Sappiamo che la plastica è talmente resistente che potrebbe impiegare decennni se non addirittura dei secoli per scomparire ma forse non ce ne rendiamo conto.

Questo vasetto di yogurt abbandonato tanti anni fa forse aveva trascorso qualche tempo tra le acque marine prima di arrivare sulla spiaggia e di essere ritrovato e fotografato. Sono almeno 12 milioni le tonnellate di plastica che ogni anno si accumulano negli oceani minacciando la vita marina e questi preziosi ecosistemi

Leggi anche: LE SCONCERTANTI IMMAGINI DEI RIFIUTI IN PLASTICA NEL MARE

È arrivato il momento di intervenire per fermare l’inquinamento causato dalla plastica. Se non possiamo davvero farne a meno, è necessario migliorare la gestione dei rifiuti, la raccolta differenziata della plastica e il riciclo.

Leggi anche: INQUINAMENTO OCEANI: NEL 2050 CI SARÀ PIÙ PLASTICA CHE PESCI

Il vasetto di yogurt datato 1976 è stato ritrovato sulle coste del Canada.

La foto sta facendo il giro del web ed è stata pubblicata su Facebook da Greenpeace come simbolo del degrado causato dall’inquinamento.

yogurt inquinamento

Cosa possiamo fare nella nostra vita quotidiana per ridurre il problema della plastica? Possiamo cercare di evitare di acquistare alcuni prodotti con imballaggi di plastica voluminosi e quando possiamo, ad esempio, per quanto riguarda lo yogurt, dedichiamoci all’autoproduzione con il riutilizzo di vasetti di vetro.

Ecco quanto dura la plastica nell'ambiente:

infografica plastica

Infografica del Museo del Design di Zurigo

Leggi anche: COME PREPARARE IN CASA LO YOGURT DI SOIA

Firma qui la petizione per fermare l’inquinamento causato dalla plastica.

Marta Albè

Pin It