Cosmesi

tinture vs erbe tintorie

Tinte chimiche VS tinte naturali: benefici, effetti e raccomandazioni

Le tinte naturali vegetali o erbe tintorie si ottengono dalla polverizzazione di foglie o radici di piante contenenti un pigmento colorante. Impiegate spesso nella tintura dei tessili, sono in grado di riflessare o tingere anche i nostri capelli. Costituiscono un'alternativa completamente naturale alle tinte chimiche, rispetto alle quali hanno il notevole vantaggio di rendere i capelli più forti, lucidi e voluminosi, senza controindicazioni per la salute o l’ambiente.

erbe tintorie

10 erbe tintorie per colorare o riflessare i nostri capelli

Le erbe tintorie costituiscono l’alternativa migliore alle tinte chimiche per colorare o riflessare i nostri capelli. Sono polveri estratte dalle foglie o dalle radici di piante che contengono un pigmento tintorio. Completamente naturali e biodegradabili, non inquinano l’ambiente né danneggiano la fauna marina.

La nagar motha : proprietà e come riflessare i capelli di castano

La nagar motha è una pianta perenne, appartenente al genere Cyperaceae, che cresce spontaneamente nelle zone tropicali, subtropicali e nei climi temperati. Originaria dell'India, da noi cresce in maniera spontanea e si riproduce molto rapidamente soprattutto nelle zone umide, tanto da essere considerata dai contadini una vera e propria erba infestante. Ma la nagar motha è soprattutto una pianta officinale, dal cui rizoma si ricava una polvere ricchissima in tannini, sostanze antiossidanti e antimicotiche in grado di apportare notevoli benefici sia alla pelle del viso che alla capigliatura.

no shampoo

L’avanzata del movimento "no-shampoo"

Prendersi cura dei capelli in modo alternativo senza acquistare gli shampoo che troviamo normalmente al supermercato è davvero possibile. Lo sostiene il movimento no-shampoo che si sta diffondendo negli ultimi anni soprattutto negli Usa e nel Regno Unito. In Italia siamo ancora ben lontani, ma nel resto d'Europa si sta diffondendo piano piano e in modo contagioso la scelta di rinunciare a uno dei prodotti per l'igiene personale più utilizzato al mondo.

mallo di noce

Mallo di noce: riflessi castani naturali per i capelli

Il mallo di noce è la parte interna della buccia che riveste le noci. Quando i frutti sono maturi, questa buccia è di colore verde, cominciando poi man mano a scurirsi per l'azione dei tannini presenti nella pianta, fino ad assumere la caratteristica colorazione marrone.

ibisco capelli

Ibisco: come tingere di rosso i capelli usando le erbe tintorie

L'ibisco è un genere di piante che comprende circa 250 specie, ha bellissimi fiori a forma di campana, di vari colori nei toni del bianco, giallo, rosa e viola. Quella utilizzata a fini tintori è la polvere ricavata dai fiori essiccati della specie "Hibiscus Sabdariffa", dicitura riportata anche nell'Inci delle confezioni che troviamo in commercio.

robbia-capelli

Robbia: come tingere di rosso i capelli usando le erbe tintorie

Il nome robbia indica le piante appartenenti al genere Rubia, della famiglia delle Rubiaceae, che comprende circa una sessantina di specie. Quelle utilizzate a fini tintori però sono essenzialmente due: la Rubia Cordifolia e la RubiaTinctorum. La polvere che si estrae dalle loro radici colora di rosso, ed è conosciuta e apprezzata nella colorazione dei tessuti sin dall'antichità.

rabarbaro_cover

Rabarbaro per schiarire i capelli: come ottenere o evidenziare i toni biondi

Il rabarbaro (Rheum officinale o Rheum rhaponticum) è una pianta officinale perenne originaria della Cina e del Tibet. Largamente utilizzato nella medicina tradizionale cinese e in fitoterapia per le sue proprietà digestive, depurative e rinfrescanti nonché per la sua capacità antimicotica e antibatterica, il rabarbaro trova impiego anche in cucina, soprattutto nei Paesi anglosassoni.